Ascolta l'audio di questa pagina - 4'46''


Download

 

Rilassamento, attenzione, concentrazione


Imparare a rilassarsi porta benefici sia al corpo che alla mente: quando ci rilassiamo le tensioni muscolari tendono a diminuire, i muscoli del corpo si distendono, la respirazione e il cuore sono più calmi e di conseguenza le funzioni cerebrali diventano molto più efficienti.

Rilassarsi può risultare molto più semplice se siamo nella nostra stanza, nel nostro ufficio, o in un ambiente povero di rumori, rispetto a un posto chiassoso, o con suoni fastidiosi di sottofondo. Credo che sia scontato. Se dobbiamo, quindi, memorizzare delle informazioni, studiare o imparare qualcosa che ci servirà per qualche scopo, farlo da calmi e rilassati è senz’altro un vantaggio per la maggior parte di noi.

Può risultare però uno svantaggio abituarsi troppo a svolgere compiti, dove bisogna usare cervello e memoria, soprattutto in ambienti dove ci si sente “troppo” a proprio agio, o in ambienti abbastanza silenziosi. Provate a memorizzare un numero di telefono (uno qualsiasi della vostra rubrica, sul vostro smartphone), con la radio sintonizzata su una stazione dove parla uno speaker radiofonico, ad alto volume, e successivamente provate a memorizzare un altro numero di telefono con la radio spenta. Oppure provate a memorizzarlo con la TV accesa su un canale che sta trasmettendo pubblicità. Credo che sia normale sentirsi in difficoltà quando stiamo tentando di memorizzare dei numeri o delle informazioni dove c’è qualcuno vicino a noi che parla ad alta voce, o se ci sono dei rumori o suoni fastidiosi nell’ambiente in cui ci troviamo. La stessa cosa può succedere se stiamo spiegando qualcosa a qualcuno e sentiamo un fastidioso brusio di sottofondo che ci impedisce di continuare, o addirittura ci fa perdere il filo del discorso. Oggi rispetto al passato, riuscire a rilassarsi e a concentrarsi senza cadere vittime di distrazioni, può diventare molto impegnativo, soprattutto se non siamo abituati a farlo in situazioni ambientali sfavorevoli e in condizioni di disagio emotivo o fisico. Il metodo dei colori che troverete nei paragrafi successivi, è una via per imparare a rendere più flessibile la propria memoria in situazioni dove anche rilassarsi e rimanere attenti può diventare realmente un’impresa. Ogni strategia di memoria e di apprendimento, una volta appresa come si deve e automatizzata, può bypassare tutti i problemi più comuni che si incontrano in qualsiasi percorso di apprendimento che poi viene abbandonato. Il contesto ambientale, la nostra condizione psico-fisica e l'emotività possono influenzare pesantemente la capacità di richiamare ricordi. Chi si allena a memorizzare ad esempio: numeri, mazzi di carte, nomi e visi, date storiche, ecc. tutto “al volo” o “in velocità”, solitamente lo fa: o a casa propria in un ambiente tranquillo (o luogo simile), oppure in una competizione sportiva della memoria, dove è consentito anche l’utilizzo di cuffie insonorizzate e dei paraocchi. Anche studiare richiede sforzi mentali di attenzione e concentrazione come altre attività mentali. Riuscire a rilassarsi è facile solitamente se non ci sono rumori o stimoli visivi che distolgono la nostra attenzione. Quando ci si trova in ambienti chiassosi, o frequentati da molte persone, riuscire a concentrarsi, per eseguire anche solo un semplice calcolo matematico, potrebbe diventare qualcosa di impossibile da fare. Anche il sottoscritto, nonostante sia diventato abbastanza bravo negli anni nel rilassarmi e nel concentrarmi in modo da riuscire a rendere più efficace la memorizzazione, o per studiare con più efficacia, potrei trovarmi in situazioni di difficoltà dove anche ricordare un semplice numero di telefono, o una semplice lista della spesa potrebbe risultare una dura prova. Nonostante sia stato in grado di ricordare a memoria, in una competizione sportiva, 2316 cifre del Pi greco senza errori, e nonostante sia in grado di memorizzare in una giornata migliaia di informazioni senza troppe difficoltà; quando si tratta di farlo in mezzo a persone, nel trambusto e in piedi, il mio livello di campione di memoria può scendere di parecchio e solamente se applico una certa attenzione e concentrazione per separarmi dagli stimoli esterni, riesco a sfruttare pienamente il mio metodo per memorizzare a comando. Imparare a concentrarsi è la chiave per riuscire a memorizzare in maniera efficacie, potete imparare tutte le strategie e le tecniche di memoria più raffinate con tecniche di rilassamento a seguito, ma se vi manca la capacità di mantenere l’attenzione per un certo periodo di tempo di seguito, i vostri sforzi saranno stati inutili. Chi è intenzionato ad imparare le mnemotecniche per ottenere più efficacia e sicurezza quando si tratta di ricordare qualcosa, dovrà confrontarsi con l’ovvia verità che non le potrà utilizzare nella vita di tutti i giorni se non le impara ad usare nella vita di tutti i giorni!

 

 

argomento successivo: La motivazione